Additive Manufacturing è un termine ormai utilizzato per indicare la stampa 3D. Fabbricare oggetti con tecnologia additiva vuol dire utilizzare la tecnica di stampa “strato su strato” (layer by layer).
Per Stratasys, realizzare prototipi con Additive manufacturing significa lavorare con stampanti 3D e sistemi di prototipazione rapida.
L’operatore progetterà il suo file in CAD e lo darà in pasto alla stampante 3D, che provvederà a depositare strati di materiale che replicheranno la geometria dell’oggetto.

BENEFICI PER LE AZIENDE
L’additive manufacturing crea un circuito virtuoso per le aziende: riduce i costi di produzione dei modelli, accelera il time to market, permette di risparmiare tempo e guadagnare privacy.

NUOVE POSSIBILITA’
La stampa strato su strato regala un ventaglio di possibilità che con le tecniche tradizionali era impossibile esplorare: modellare in 3D vuol dire costruire anche i sottosquadri più complessi, leggeri o semplici da assemblare e resistenti come i pezzi tradizionali.

FORNITURA PUNTUALE
Stampare in 3D permette di costruire solo ciò che serve, riducendo i costi magazzino e i tempi di produzione.
Accelelerare i tempi di consegna significa migliorare il rapporto con il cliente e aumentare il volume di lavoro dell’impresa.

RIDUZIONE DI COSTI DI LAVORO E RISCHI
La costruzione di tool fino a oggi ha significato impiego di molto tempo e costi anche alti.
Con la stampa 3D le tempistiche sono ridotte da giorni di lavoro a qualche ora (in diversi casi) e, quelli che sono oggi prototipi, grazie all’utilizzo di materiali Stratasys, possono essere prodotti e utilizzati anche come parti finite.

Torna alla voce APPLICAZIONI o CASE STUDIES per leggere quello che più ti interessa sulla stampa 3D Stratasys e i suoi utilizzi.